.
Annunci online

di tutto e di più sui politici ITALIANI!
Critiche insensate ad Annozero.
post pubblicato in diario, il 26 settembre 2009


Mentre "Il Fatto Quotidiano" supera ogni asepttativa e vende il 91% delle sue copie prima delle 8 del mattino il primo giorno di usicta, il Ministro Scajola attacca duramente Annozero perchè "è ora di finirla con l`ennesima puntata di una campagna mediatica basata sui pruriti, sulla spazzatura, sulla vergogna, sull`infamia, sulle porcherie." Annunciando addirittura la convocazione dei vertici Rai per controllare se Annozero è da considerarsi un programma degno di essere trasmesso, viene da chiedersi come, il Ministro per lo Sviluppo economico, possa accaparrarsi questo diritto nei confronti di una TV pubblica.
Ci hanno provato prima della messa in onda senza MAI mandare spot del programma e portando alle streme Santoro senza la firma di contratti, come quello di Travaglio costretto ad essere li come OSPITE e non come "secondo" di Santoro. Non erano riusciti a fermarlo in tempo, ed ora, nonostante questo programma faccia registrare ascolti ampissimi e riempendo le casse della RAI con la pubblicità, ci provano insinuando a vigliaccherie, a mala informazione.
Il problema è proprio questo. Questo tipo di informazione da fastidio. Si è parlato della libertà di stampa e del problema dell'informazione in Italia mettendo sul piatto TUTTO quello che cera da dire. C'era un "accusatore" ed un contradditorio, elemento indispensabile per una TV democratica, al contrario di quanto avviene da Vespa, che quando ospita il Premier non ha nessun altro in studio che lo possa smentire. Eppure perchè di questo programma nessuno se ne lamenta? Forse perchè non dice TUTTO quello che c'è da dire? Forse perchè parla del premier e della politica come "cosa buona e giusta" senza mai toccare temi veramente caldi come processi, accuse, ecc?
Non voglio denigrare Vespa, perchè è un giornalista, purtroppo, controllato dall'alto. Qualche puntata buona ed interessante la fa anche lui, come quella post terremoto.
Bisogna imparare a rispettare questo paese e la libertà di informazione. Dobbiamo difendere la voglia di sapere che in molti, come me, hanno. Una volontà di conoscenza che non si trova da nessuna parte, o quasi.
Il tanto temuto VIDEOCRACY!
post pubblicato in Il silenzio, urlato!, il 18 settembre 2009



Sono di ritorno dalle vacanze e, dopo aver letto le polemiche sui giornali riguardo al fatto che Videocracy era stato censurato da Rai e Mediaset, ho colto la palla al balzo quando ho trovato il film nei cinema mi sono gettato immediatamente, colto in maniera incredibile dalla curiosità.
Ebbene, dopo qualche minuto di attesa, mi siedo in poltrona con le mie belle Nachos con salsa messicana e mi appresto a vedere questa pellicola tanto NON voluta dalle reti nazionali perchè, a quanto scritto, troppo pungente per il premier.
Era stato presentato come un fil che raccontava gli ultimi 30 anni della TV italiana con l'avvento della tv commerciale (Mediaset). Questo tema è stato affrontato in maniera assolutamente, a mio parere, veolocissima e senza grandi spiegazioni nei primi 5-10 minuti del film. Il seguito è un vero e proprio SPOT PUBBLICITARIO per:
Lele Mora, noto manager italiano noto per il fatto che spinge e trova nuovi talenti nella tv, in particolare per programmi come Uomini e Donne, e, purtroppo, meno noto per essere stato condannato due volte per evasione fiscale, nel 2000 per 5 miliardi di Lire, nel 2008 per 5,6 milioni di euro (argomenti che non sono stati trattati e nemmeno citati nel film) presentato, nel film, come un vero e proprio angelo caduto dal cielo.
Fabrizio Corona, noto come fotografo di VIP e come estorsore nei confronti dei soggetti che fotografava la sua azienda (es. fotografava "Tizio" e gli diceva che, se non voleva che la foto venisse pubblicata, gli doveva pagare tot mila euro) e noto anche per le sue numerose (6 in totale) vicende con le forze dell'ordine per infrazione del codice della strada, che ha pagato a volte si e a volte no. Ovviamente di queste ultime cose NON si è minimamente fatto cenno, e del discorso dell'estorsione se ne è parlato come cosa da tutti i giorni, per poi terminare con la visione di una doccia effettuata dallo stesso corona nel quale si vedono le sue capacita di pulirsi il pene e di spalmrsi di crema idratante (tutto senza censura).
Silvio Berlusconi, per cosa è noto lo sappiamo tutti, ma nel film è citato in primo luogo come il presidente di Mediaset, senza però parlare dei processi che ha avuto e cha ha ancora in atto (come il processo per appropriazione indebita, e non quello del 2001 che si è chiuso all'epoca, ma di quello riaperto poco tempo fa per le appropriazioni dal 2001 ad oggi e che grazie al Lodo Alfano è bloccato). Non si è parlato dei processi Medusa. Non si è nemmeno nominato i processi per i diritti pubblicitari. Non dico si dovessero dire tutte le accuse che ha subito, ma visto che veniva chiamato "Il Presidente", riferendosi all'azienda, allora almeno un cenno a ciò mi sembrava doveroso.

Alla fine del film una domanda mi si è bloccata in testa: perchè censurare questa "meravigliosa"ubblicità per questi 3 personaggi?
Si voleva per caso far attirare l'attenzione in modo tale da far venire più gente possibile, presa dalla curiosità come il sottoscritto, per far trasparire questi 3 santi?

Un consiglio: non buttate vie 6-7-8 euro di cinema, piuttosto dateli in beneficenza, o se siete indecisi e volete a tutti i costi andare a vedere un film, guardatevi L'Era Glaciale 3 e fatevi due risate!
p
Sfoglia agosto        ottobre
calendario
cerca