.
Annunci online

di tutto e di più sui politici ITALIANI!
La politica del: "Vediamo chi fa peggio"
post pubblicato in Il silenzio, urlato!, il 31 gennaio 2010

A volte mi sembra di stare in un film comico. Mi sveglio, apro i giornali e leggo delle notizie che, ingenuamente, pensavo fossero solo delle supposizioni della parti politiche avverse. Invece è tutto vero. Ed è proprio vero quello che disse Grillo quando andò a presentare la mozione popolare per il "Parlamento Pulito". Nani, ballerine, inquisiti, pluricondannati e, come disse lui, "qualche zoccola".
Ci si poteva non credere un anno fà quando disse quelle parole, bastava avere qualche fettina di prosciutto sugli occhi. Ma ora anche due prosciutti interi non baserebbero. Le elezioni regionali, per qual che riguarda il pdl, le puoi fare solo se non sei un uomo con la "panza", la barba e le orecchie a sventola. Berlusconi riprende ciò che, causa dell'allora first lady, ora ex, aveva lasciato in sospeso alle elezioni europee. Il famoso "ciarpame senza pudore". Si perchè Silvio "Siffredi", per scegliere i suoi condidati mica guarda la carriera politica - quella giudiziaria non l'ha mai guardata perchè, pure qua, scatterebbe un conflitto di interessi non indifferente - ma i book fotografici che gli vengono dati. Probabilmente non solo quelli, ma anche le liste di invitati alle cene a Palazzo Grazioli del suo ex amico Giampi "TarantinI o TaraninO".
Ma se gli uomini con la più feroce idea maschilista possono essere d'accordo, io, che di per sè conto solo come elettore - che per altro non sempre vota - mi stacco fortemente da questa idea e, ingenuamente, ho pensato "beh guardiamo allota chi c'è dall'altra, visto che la sinistra non ha mai candidato veline, zoccole e escort". MI VENISSE UN COLPO! Neanche finito di pensarlo, e subito mi spunta all'occhio il nuovo candidato alla regione Campania, Vincenzo De Luca. Li per lì credevo che, tanto, più in basso di Bassolino (il gioco di parole non è voluto) non ci può andare. Ma, come dovremmo ormai tutti ben sapere, il Pd è sempre capace di stupire i suoi elettori (di cui io non faccio parte). Ebbene sì. Vincenzo De Luca è peggio di Bassolino. Sì, perchè se l'atuale governatore Campano è imputato per truffa nel processo Bassolino-Impregilo per lo scandalo monnezza, De Luca è imputato ben DUE VOLTE. Pluri inquisito. E non per aver rubato una caramella a un bambino e aver guidato senza patente, ma per associazione a delinquere, concussione, falso e truffa. Mica noccioline.
Pensandoci bene, però, il Pd non può mai sentirsi meno spregiudicato del PDL. Perchè se i destristi negano l'arresto di Cosentino, arresto confermato dalla Cassazione per concorso esterno in associazione camorristica, chi sono loro per non candidare uno che è sì pluri imputato, ma mica lo voglio sbattere dentro. Almeno per ora.


continua
Processo Breve... che farsa!!!!
post pubblicato in Politici life, il 29 gennaio 2010

 

Eccoci nuovamente di fronte ad un altra ignobile legge costruita a "modino", come avrebbe detto la mia nonna, sui processi pendenti del nostro caro B. Il processo breve. In anzi tutto bisogna dire che, leggendo il nome, si può senza dubbio essere daccordo che si sarebbe tutti più sollevati, se in effetti i processi durassero di meno. Ma il nostro (inteso come cittadino normale) modo di vedere il processo di corta durata, presuppone comunque una sentenza finale. Il verdetto del giudice. E, proprio per questo motivo, il processo breve non ha motivo di chiamarsi tale. Sarebbe più giusto il processo interrotto. Se vengono dettati e fissati dei periodi prestabiliti per legge, come in questo caso (senza ripetere per l'ennesima volta i periodi indicati dal ddl), senza dare dei supporti in più, o per lo meno senza fare in modo che ciò sia possibile, la situazione restarà esattamente la medesima. La legge dice che o entro i termini arrivi a sentenza, o il processo va in prescrizione. Punto. Ma, ragioniamo. Se ora i periodi sono infiniti, e ciò non può essere assolutamente contestato, un motivo ci sarà; che sia un problema di organico delle magistrature e delle procure, che sia un problema di mancanza di fondi per le indagini o per il semplice materiale di cancelleria, ecc. Non sarà forse necessario prima risolvere QUESTI problemi e poi, se mai, mettere un tetto alla durata dei processi??
Quello che la maggior parte delle persone forse non capiscono è che, questa legge, non risolverà proprio un bel nulla. Non ci saranno sentenze più veloci. I criminali non saranno giudicati più velocemente. Sarà esattamente il contrario. I delinquenti avranno più probabilità di farla franca. Perchè, se il loro avvocato sarà bravo a far allungare i tempi del processo, si arriverà presto oltre il periodo massimo e quindi tutto andrebbe a finire in prescrizione. Caso chiuso. Furfante libero e vittima ulteriormente oltraggiata. Il risultato è questo.
Per quel che riguarda invece il fatto che, al contrario di tutte le altre leggi che vengono emanate, sia retroattiva per i processi pendenti entro il marzo 2006 (causa indulto), il guardasigilli "Alnano" dice che andrà a toccare solo l'1% di questi. Ma allora la mia domanda è: ma se tanto ne tocca solo l'1%... che cazzo la fai retroattiva? Sarà un caso che il rinvio a giudizio dei due processi del premier siano stati dati proprio dopo la metà del 2006 e che quindi ricadano proprio entro tale termine quasi a fagiolo? Tutte coincidenze.
Questa legge(cagata) viene fatta anche, dicono, per svegliare un pò questi magistrati e questi giudici un pò fannulloni no? Ebbene, proprio per questo, un giudice del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, Mario Morra, ha stilato un rapportino proprio riguardante queste accuse che, spesso e volentieri, infangano il mondo della giustizia. 

"I dati su cui mi sono basato, e che in alcuni casi ho rielaborato per renderli di più immediata comprensione, non sono tratti da indagini raffazzonate e di dubbia veridicità, dell’A.N.M. (Associazione Nazionale Magistrati) o di altri organismi interessati, ma provengono da una fonte autorevole ed imparziale: la Commissione Europea per l’Efficienza della Giustizia (CEPEJ), raccolti in un rapporto, estremamente articolato, di oltre 350 pagine, presentato nel 2008 (con rilevazioni statistiche riferite all’anno 2006), sullo stato della giustizia in Europa."

Ve lo allego. Leggetelo e cercate di capire bene come è la realtà della magistratura in Italia.

mediamanager/sys.user/153333/Magistrati.pdf <--------- clicca per scaricare il rapporto!

In questi casi è giusto citare una famosa frase dal film "Chi ha incastrato Roger Rabbit": "Io non sono cattiva, è che mi disegnano così". Riadattandola: "Noi non siamo fannulloni, ma ci disegnano così."

EVVIVA L'ITALIA!!


continua

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. berlusconi alfano processi processobreve

permalink | inviato da Giamporsi il 29/1/2010 alle 22:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
L'importante è che non lo processino.
post pubblicato in diario, il 8 novembre 2009


Ogni tanto leggere "Il Giornale" è interessante, poichè ti fa capire come ormai in questo paese tutto sia dovuto a Mr B.
Voglio riportare alcune frasi: "A Palazzo Grazioli starebbero lavorando a un documento formale che certifichi la «ventennale persecuzione» dei giudici e impegni i parlamentari del Pdl a firmare la legge sulla «prescrizione di fase» che gli esperti stanno preparando. Una norma di iniziativa parlamentare, che verra` presentata al Senato da Lucio Malan. Il meccanismo ideato da Ghedini e` questo: una prescrizione del processo, anziche´ del reato, che sara` scandito in tre fasi, ciascuna di due anni".
Capito? Questo è l'intento del premier. Che lo vogliano o no, lui questi processi non li vuole fare. E perchè? Al momento della caduta del Lodo Alfano non aveva detto che sarebbe andato in aula e avrebbe dimostrato la sua innocenza? Perchè vuole fermare tutto, a tutti i costi?
Ma la cosa più incredibile è la normalità con la quale questi giornali di regime ne parlano. Come se fosse normalissimo che un Presidente del Consiglio possa interrompere i suoi processi quando vuole e per il motivo che vuole. Insultano Fini perchè dice di non volere più leggine (se così si possono chiamare) ad personam. E meno male dico io! Ma l'articolo a cui mi riferisco continua, andando avanti, a spiegare come un Premier non possa andare avanti a governare con questi processi sulle spalle, ed è quindi necessario ripristinare, in una qualche maniera, il lodo alfano, già bocciato dalla Corte Costituzionale. Come discorso non è sbagliato, ma non è per nulla esatto la faccenda del lodo blocca processi. Perchè se l'Alfano bloccava i processi, questa riforma li vuole proprio estinguere.

BERLUSCONI... FATTI PROCESSARE!!!!!!!


continua
Le menzogne del Premier
post pubblicato in Politici life, il 10 ottobre 2009

Questa è stata una settimana intensissima per la politica italiana e in particolare per il nostro caro premier Silvio Berlusconi. Lodo Mondadori con la sentenza che prevede la restituzione di quasi 750 milioni di euro alla Cir di De Benedetti. Bocciatura del Lodo Alfano giudicato incostituzionale dalla Corte Costituzionale. Rivelazioni di Massimo Ciancimino che mettono in cattivissima luce il suo braccio destro Marcello dell'Utri (già condannato in 1° grado a 9 anni per Concorso esterno in associazione mafiosa) ritenuto il secondo personaggio in grado di creare una trattativa tra stato e mafia dopo l'arresto di Vito Ciancimino. Non c'è più quindi da stupirsi se in questi momenti, il Cavaliere, dia i numeri e inizi ad insutlare a destra e a manca senza problemi. Ma c'è ancora meno da stupirsi delle balle che racconta, ed in questi momenti oserei dire che dà il meglio di sè. Vediamo perchè:

"Io sono l'uomo più perseguitato della storia ma sono sempre stato assolto. Due volte, mi sembra, ho goduto della prescrizione che non è assolutamente una condanna." Cerchiamo di specificare e di capire perchè è una balla. Intanto ho i miei seri dubbi che sia l'uomo più perseguitato dalla storia, ma nel caso fosse vero, non credo che questo possa in qualche modo alzare la credibilità di una persona, perchè un motivo ci sarà se sei sempre sotto giudizio, o no? Per quel che riguarda i processi è meglio specificare. Su 23 processi subiti da Berlusconi, 3 sono caduti in prescrizione di cui 2 avvenute grazie a delle leggi ad Personam che accorciavano, o meglio dimezzavano, i tempi per la prescrizione. In 8 processi è stato assolto per varie motivazioni, ma in 3 casi è stato assolto perchè il fatto non sussiste più il rato per delle leggi promosse dai vari governi Berlusconi. In 2 casi è intervenuta l'amnistia del processo ciò il reato si estingue. In 7 procedimenti è intervenuta l'archiviazione e altri 3 sono ancora aperti.

Questa è la verità. La prescrizione NON significa assolto. Come già scritto nel blog, lo stesso Andreotti venne prescritto, ma solo perchè i tempi erano finiti, tanto è vero che nella sentenza c'è scritto che il reato era stato commesso.
Il Cavaliere sta esplodendo, sembra una bomba ad orologeria.


continua

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. berlusconi mafia dell'utri processi lodo

permalink | inviato da Giamporsi il 10/10/2009 alle 13:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Tutti i politici con la coscienza sporca
post pubblicato in Processi, il 19 agosto 2009
Parlamentari Condannati

Nel nostro parlamento sono ben 70 (settanta) i pregiudicati, condannati in primo e secondo grado o in attesa di giudizio. Questi sono i nostri politici, quelli che dicono di rappresentarci. All'ineerno degli svariati processi di questi politici, troviamo accuse di ogni genere: frode, mafia e riciclaggio, favoreggiamento, truffa aggravata, banda armata e associazione sovversiva, corruzione, ecc.
Beppe Grillo, qualche anno fa, raccolse più di 350 mila firme per il parlamento pulito. Qui trovate le specifiche: http://www.beppegrillo.it/condannati_parlamento.php

Bisogna diffondere queste notizie, perchè è giusto che, ognuno di noi, sappia realmente chi vota e se questa persona ha scheletri nell'armadio. Di seguito di 18 condannati defenitivi presenti in parlamento:

Berruti Massimo Maria (FI): condannato in via definitiva a 8 mesi per favoreggiamento.
 
Bonsignore Vito (europarlamentare FI): condannato definitivamente a 2 anni per tentata concussione nello scandalo delle tangenti per il nuovo ospedale di Asti.
 
Mario Borghezio (europarlamentare Lega Nord): condannato in via definitiva per incendio aggravato da "finalità di discriminazione", per aver dato fuoco ai pagliericci di alcuni immigrati che dormivano sotto un ponte di Torino, a 2 mesi e 20 giorni di reclusione commutati in 3.040 euro di multa.
 
Bossi Umberto (Lega Nord): condannato in via definitiva a 8 mesi di reclusione per 200 milioni di finanziamento illecito  dalla maxitangente Enimont.
 
Cantoni Giampiero (FI): ha patteggiato 2 anni di reclusione per corruzione e concorso in bancarotta e risarcito 800 milioni di  lire.
 
Carra Enzo (PD): una condanna in via definitiva per false dichiarazioni al pubblico ministero. Per i giudici, Carra è un falso testimone che, con il suo «comportamento omertoso» e la sua «grave condotta antigiuridica», ha tentato di «assicurare l’impunità a colpevoli di corruzione, falso in bilancio e finanziamento illecito» nel caso Enimont. Parola del Tribunale e della Corte d’Appello di Milano, nonché della Cassazione, che l’hanno condannato prima a 2 anni e poi a 1 anno e 4 mesi (grazie allo sconto del rito abbreviato) di carcere.
 
Ciarrapico Giuseppe (PDL): è stato condannato a 3 anni definitivi per il crack da 70 miliardi della Casina Valadier (ricettazione fallimentare) e ad altri 4 e mezzo per il crack Ambrosiano (bancarotta fraudolenta).
 
De Angelis Marcello (AN): condannato in via definitiva a 5 anni di carcere per banda armata e associazione sovversiva come dirigente e portavoce del gruppo neofascista Terza Posizione.
 
Dell’Utri Marcello (FI): condannato definitivamente a Torino a 2 anni e 3 mesi per false fatture e frodi fiscali nella gestione di Publitalia (reato per cui fu arrestato per 18 giorni nel maggio 1995 e poi patteggiò la pena in Cassazione).
 
Farina Renato (FI): Farina patteggia una pena di 6 mesi di reclusione per favoreggiamento nel sequestro di Abu Omar, l’imam egiziano rifugiato in Italia, sequestrato a Milano il 17 febbraio 2003 dalla Cia con l’aiuto del Sismi, trasportato nella base americana di Aviano e di lì deportato in Egitto, dove fu torturato per sette mesi.

La Malfa Giorgio (FI): condannato definitivamente a 6 mesi per il finanziamento illecito della maxitangente Enimont.
 
Maroni Roberto (Lega Nord): condannato definitivamente a 4 mesi e 20 giorni per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale durante la perquisizione della polizia nella sede di via Bellerio a Milano.
 
Nania Domenico (AN): arrestato per 10 giorni e poi condannato in via definitiva a 7 mesi per lesioni personali legate ad attività violente nei gruppi giovanili di estrema destra (fatti dell’ottobre ’69, sentenza emessa nel 1977 e divenuta definitiva nel 1980).
 
Naro Giuseppe (UDC): condannato in primo grado a 3 anni e in Cassazione a 6 mesi definitivi di reclusione (erano 3 anni in primo grado) per abuso d’ufficio nel processo per l’acquisto con denaro pubblico di 462 ingrandimenti fotografici, alla modica cifra di 800 milioni di lire. 
 
Papania Antonio (PD): il 24 gennaio 2002 ha patteggiato davanti al gip di Palermo una pena di 2 mesi e 20 giorni di reclusione per abuso d’ufficio. 
 
Sciascia Salvatore (FI): condannato definitivamente a 2 anni e 6 mesi per aver corrotto alcuni ufficiali e sottufficiali della Guardia di finanza.
 
Tomassini Antonio (FI): medico chirurgo, è stato condannato in via definitiva dalla Cassazione a 3 anni di reclusione per falso.

fonte: "Se li conosci li eviti" di Marco Travaglio e Peter Gomez.

qui, l'elenco completo dei condannati, pregiudicati o in attesa di giudizio presa dal Blog di Beppe Grillo.

70 Parlamentari con la coscienza Sporca!


più avanti farò degli approfodimenti su parlamentari di rilievo, indicando uno ad uno i loro processi e il loro esito con le varie motivazioni.
Benvenuti in CASTOPOLI!!
post pubblicato in diario, il 17 agosto 2009
Eccoci...
benvenuti a tutti in questo mio Blog.
La volontà di aprire questo punto di incontro è dettata dal fatto che, a mio parere, non si sà mai abbastanza di ciò che ci circonda, e, per la sua importanza, soprattutto della classe politica Italiana.
Ecco quindi che ho voluto creare questo Blog nel quale, periodicamente, inserirò varie notizie, documenti, articoli, sentenze, ecc, che riguardano i nostri politici e che, però, dai giornali non vengono espressi.
E' quindi ovvio che ogni aiuto sarà assolutamente ben accetto. Inviatemi Video, documenti, idee, ecc e io li inserirò nel blog.

L'informazione la facciamo NOI!!
Sfoglia novembre        febbraio
calendario
cerca