.
Annunci online

di tutto e di più sui politici ITALIANI!
La politica del: "Vediamo chi fa peggio"
post pubblicato in Il silenzio, urlato!, il 31 gennaio 2010

A volte mi sembra di stare in un film comico. Mi sveglio, apro i giornali e leggo delle notizie che, ingenuamente, pensavo fossero solo delle supposizioni della parti politiche avverse. Invece è tutto vero. Ed è proprio vero quello che disse Grillo quando andò a presentare la mozione popolare per il "Parlamento Pulito". Nani, ballerine, inquisiti, pluricondannati e, come disse lui, "qualche zoccola".
Ci si poteva non credere un anno fà quando disse quelle parole, bastava avere qualche fettina di prosciutto sugli occhi. Ma ora anche due prosciutti interi non baserebbero. Le elezioni regionali, per qual che riguarda il pdl, le puoi fare solo se non sei un uomo con la "panza", la barba e le orecchie a sventola. Berlusconi riprende ciò che, causa dell'allora first lady, ora ex, aveva lasciato in sospeso alle elezioni europee. Il famoso "ciarpame senza pudore". Si perchè Silvio "Siffredi", per scegliere i suoi condidati mica guarda la carriera politica - quella giudiziaria non l'ha mai guardata perchè, pure qua, scatterebbe un conflitto di interessi non indifferente - ma i book fotografici che gli vengono dati. Probabilmente non solo quelli, ma anche le liste di invitati alle cene a Palazzo Grazioli del suo ex amico Giampi "TarantinI o TaraninO".
Ma se gli uomini con la più feroce idea maschilista possono essere d'accordo, io, che di per sè conto solo come elettore - che per altro non sempre vota - mi stacco fortemente da questa idea e, ingenuamente, ho pensato "beh guardiamo allota chi c'è dall'altra, visto che la sinistra non ha mai candidato veline, zoccole e escort". MI VENISSE UN COLPO! Neanche finito di pensarlo, e subito mi spunta all'occhio il nuovo candidato alla regione Campania, Vincenzo De Luca. Li per lì credevo che, tanto, più in basso di Bassolino (il gioco di parole non è voluto) non ci può andare. Ma, come dovremmo ormai tutti ben sapere, il Pd è sempre capace di stupire i suoi elettori (di cui io non faccio parte). Ebbene sì. Vincenzo De Luca è peggio di Bassolino. Sì, perchè se l'atuale governatore Campano è imputato per truffa nel processo Bassolino-Impregilo per lo scandalo monnezza, De Luca è imputato ben DUE VOLTE. Pluri inquisito. E non per aver rubato una caramella a un bambino e aver guidato senza patente, ma per associazione a delinquere, concussione, falso e truffa. Mica noccioline.
Pensandoci bene, però, il Pd non può mai sentirsi meno spregiudicato del PDL. Perchè se i destristi negano l'arresto di Cosentino, arresto confermato dalla Cassazione per concorso esterno in associazione camorristica, chi sono loro per non candidare uno che è sì pluri imputato, ma mica lo voglio sbattere dentro. Almeno per ora.


continua
Perchè Silvio non vuole le elezioni.
post pubblicato in Il silenzio, urlato!, il 20 novembre 2009


"Feltri è un direttore indipendente; bisogna vedere se è indipendente dalle sue idee". Questa frase fa scaturire un applauso nello studio di Fazio durante l'intervista al Presidente della Camera Fini. Stiamo parlando della 4° carica dello stato. Colui che, in teoria, dovrebbe stare con la maggioranza, ma che, a mio avviso grandiosamente, ultimamente si sta smarcando dal padrone. Ma perchè però non vuole far cadere questo governo? E sopratutto, perchè Silvio non vuole elezioni anticipate nonostante questo spacco nel PDL?
La risposta è tanto semplice quanto scontata. Perchè, se si andasse alle urne e dovesse perdere, non potrebbe più farsi le leggi per evitare i processi pendenti sulla sua testa. Negli ultimi giorni, per altro, all'interno delle procure di Palermo e Caltanissetta tira una aria assai strana. Stanno per essere inseriti nuovi indagati nelle varie investigazioni sulla trattativa Stato-Mafia e i mandanti occulti del periodo stragista '92-'94. E indovinate un pò chi potrebbero essere questi indagati, o per lo meno chi sono due di questi? Vi dò un aiuto. Uno è un condannato in primo grado a 9 anni per concorso esterno, e l'altro è una delle più alte, benchè basso, cariche dello stato.
Sembra che le rivelzioni dei fratelli Graviano, accusati di essere gli esecutori materiali della stragi, ed il pentito Gaspare Spatuzza stiano diventando più concrete che mai e quindi sempre più pericolosi per i due creatori di Forza Italia. Berlusconi cerca in tutti i modi di sveltire, o meglio di ammazzare, il più presto i processi per evitare altre rogne e per evitare di essere, una volta per tutte, condannato!
Nonostante queste evidenze, i suoi House Organ di fiducia continuano imperterrito a difenderlo in ogni modo e a chiedere, o cercano di obbligare, a Fini di proteggere il loro amato de queste toghe rosse, che non lo lasciano più in pace. In effetti stanno proprio diventando pesanti. Pernsate; alcuni mafiosi, che sono in carcere o che sono dei pentiti, dicono che Berlusconi e Dell'Utri erano i riferimenti per la trattativa, e questi PM si insospettiscono. E' già. Lo fanno proprio apposta. Un vero e proprio attacco gratuito. Neanche avessero dei testimoni che sostengono queste tesi.........


continua

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Berlusconi Mafia Dell'Utri PM Politica

permalink | inviato da Giamporsi il 20/11/2009 alle 16:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Coca in parlamento...
post pubblicato in Il silenzio, urlato!, il 1 novembre 2009


Negli ultimi giorni è venuta fuori, come se non si sapesse nulla prima, una voce che parla di droga che gira in Parlamento. Proprio su questo tema La Russa sembra aver detto la sua prima cosa sensata. Proporre un test antidroga a tutti i parlamentari e pubblicare il risultato sul sito del ministero. Beh, sarebbe senza dubbio una bella idea. Ma perchè queste voci e poche risposte a questo invito?
Nel caso Marrazzo c'è anche il lato cocaina. C'è chi dice messa la per incastrarlo. C'è chi dice che era solo del trans e c'è chi dice che l'aveva preprata il trans per il governatore. Quest'ultima "ipotesi" è stata detta dai trans/prostitute della zona frequentata dal presidente e, sempre secondo le loro affermazioni, da moltissimi personaggi di spicco. Dalla politica allo spettacolo.
Sul Fatto Quotidiano, qualche giorno fà, è uscito una breve intervista a Franco Grillini, ex parlamentare, che sostiene che "Tra i banchi del parlamento tutti sanno, ma nessuno parla. [...] E poi basta guardare negli occhi tanti colleghi: l'uso di cocaina è difficile da nascondere." Insomma, personaggi che prima si fanno una pista, e poi firmano leggi contro la droga. Qualche anno fà, le Iene, fecero un servizio prorio dedicato a questo argomento. Il servizio non andò MAI in onda per le pressioni dell'intero parlemento. Perchè? Se si è tutti puri, perchè imbavagliare una cosa del genere?
Ma il caso di Marrazzo non è il primo. Sempre secondo Il Fatto Quotidiano, la cocaina fu presente in molti altri scandali politici ormai dimenticati. Tarantini e le sue escort. Giuseppe Galati, le quali intercettazioni rivelano una storia in cui Galati, oltre a prostitute, riceve "robuste dosi di cocaina". Cosimo Mele, deputato UDC poi di Alleanza di Centro, beccato con due ragazze e cocaina in un hotel di Roma (scandalo venuto fuori per un malore ad una delle due ragazze). E ancora Gianfranco Miccichè, consumatore abituale di cocaina, la quale gli veniva portata direttamente dentro al minister. Era viceministro delle finanze all'epoca, 2002.
Ma il problema che molti si pongono qual 'è? Non è poi tanto il fatto che questo o quella persona facciano uso di cocaina, quantò più che, se loro la consumano, c'è chi giela procura ed in questo modo diventano ricattabili.
Perchè vi domandate? Perchè se io do a te della cocaina e tu sei un personaggio di alto livello sociale, in qualunque momento posso ricattarti con richieste che, se non mantenute, finirebbero in uno sputtanamento generale.

Evviva l'Italia.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. cocaina droga parlamento politici Marrazzo

permalink | inviato da Giamporsi il 1/11/2009 alle 20:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
Ma cos'è Destra e Sinistra?
post pubblicato in Il silenzio, urlato!, il 30 ottobre 2009
elab. graf. Giamporsi

Ma oggi, ha ancora senso parlare di Destra e Sinistra? Che differenza passa tra i due schieramenti politici?
Oggi, per "definizione" l'imprenditore è di destra e l'operaio è di sinistra. Ma cosa offrono di diverso?
Se bene vi ricordate, nel 2008, alle elezioni, era saltata fuori la polemica secondo cui sia Berlusconi che Veltroni avessero un programma pressochè identico. Ma perchè oggi allora qualsiasi cosa faccia la destra, la sinistra deve dire sempre di no? Furio Colombo, parlamentare del PD e giornalista de "Il Fatto Quotidiano" scrisse un articolo, qualche giorno fà, per augurare buona fortuna al neo eletto Bersani dicendo che l' "opposizione è dire no, semplici no, senza urla, [...], una sequenza di no che segnino tutta l'incolmabile lontanaza da un Governo che ha abbandonato il Paese...".
E' veramente questa l'opposizione di cui si ha bisongo? Bisogna sempre e solo dire NO, su ogni cosa, riguardo ad ogni legge, per ogni idea? Allora perchè chiamarsi Partico Democratico e non "Il Partito del No e basta"? Democrazia vuol dire collaborazione fra persone con idee diverse. Io non difendo questo governo, perchè come già ben precisato, è un governo corrotto, mafioso e, per citare un noto personaggio, governo che fa un uso "criminoso" della sua forza.
Non esiste più la differenza, perchè tanto, qualunque cosa uno di destra dica, quello di sinistra dice che è sbagliata. E se uno di sinistra propone una idea, quello di destra rispondera con un no in ogni caso. Anche se si dicessero cose che sembrerebbero di destra o di sinistra, ma dette rispettivamente dalla sinistra o dalla destra, il risultato è comunque un no secco.
Non c'è destra e sinistra. C'è di qua e di là. C'è Berlusconi e Bersani. C'è Gasparri e la Finocchiaro. Se uno pensa un qualcosa diverso da ciò che solitamente il suo "partito" sostiene è considerato traditore.
Questa non è politica. E' merda con idee di merda. E noi italiani ne siamo pieni fino al collo. Ma arriverà, eccome se arriverà, un giorno in cui tutta questa merda ce la scrolleremo di dosso, perchè sarà talmente tanta che non starà più in piedi e quando quel giorno arriverà, ricominceremo a respirare aria migliore. Restando nella speranza di non vedere un'altra montagnola avvicinarsi da lontano....
Una manifestazione mal presentata.
post pubblicato in Il silenzio, urlato!, il 3 ottobre 2009


Sarà forse il nome, o forse i partiti che ci hanno, a mio avviso sbagliando, aderito. Ma questa manifestazione che si terrà oggi, 3 Ottobre 2009, in Piazza del Popolo a Roma, visibile in diretta su RepubblicaTV, ha avuto una sbagliata diffusione. Viene chiamata manifestazione sulla libertà di Stampa. Non può essere sulla libertà di stampa, quando poi in piazza scendono anche partiti con i loro giornali, vedi Repubblica e l'Unità per il PD, perchè è una incoerenza madornale. Libertà di stampa vuol dire LIBERI DI DIRE QUELLO CHE SI VUOLE E QUANDO SI VUOLE. Come si può essere liberi quando ad avere un quotidiano è un partito? Come si può pretendere di attaccare, come un giornalista dovrebbe fare, un "entità" se questo è colui che ci dà il pane?
Per questi motivi ritengo che sia sbagliata la mentalità di oggi. La manifestazione che si sta per tenere è una manifestazione contro lo strapotere di Berlusconi, cosa sul quale sono pienamente d'accordo. Ma allora chiamiamola così. Diciamo che volgiamo eliminare il conflitto di interessi che regna da anni fra politica e TV. Diciamo che vogliamo togliere le "proprietà" dei canali ai vari partiti. Se è questo che vogliamo fare, non possiamo dire "Voglio la libertà di Stampa". In Italia esiste un solo giornale che è TOTALMENTE indipendente cioè Il Fatto Quotidiano. Attacca chi vuole attaccare senza sconti. Io voglio questa libertà di stampa. Voglio dei quotidiani che non inneggino per forza da una parte o dall'altra e poi, per assaltare i loro oppositori, vadano a queste manifestazioni. Siamo tutti d'accordo che una persona non può querelare un giornale per delle DOMANDE. Siamo tutti d'accorso sul fatto che queste siano solo tentativi intimidatori. Ma se non esistessero giornali di parte, o per lo meno se fossero largamente di meno, allora ci sarebbe da protestare.
Dobbiamo lottare per la libertà di informazione che da una parte e dall'altra è profondamente inclinata verso l'una o l'altra sponda. E' necessario batterci per la libertà della TV, primo mezzo fondamentale per l'informazione, che ora è governato per il 90% da Berlusconi. Questo è quello per cui si deve protestare. Questi sono, a mio avviso, i veri motivi. L'eliminazione dei partiti e della politica per la porprietà dei mezzi di informazione. Che siano essi di destro o di sinistra. Che siano TV o carta stampata.
Il tanto temuto VIDEOCRACY!
post pubblicato in Il silenzio, urlato!, il 18 settembre 2009



Sono di ritorno dalle vacanze e, dopo aver letto le polemiche sui giornali riguardo al fatto che Videocracy era stato censurato da Rai e Mediaset, ho colto la palla al balzo quando ho trovato il film nei cinema mi sono gettato immediatamente, colto in maniera incredibile dalla curiosità.
Ebbene, dopo qualche minuto di attesa, mi siedo in poltrona con le mie belle Nachos con salsa messicana e mi appresto a vedere questa pellicola tanto NON voluta dalle reti nazionali perchè, a quanto scritto, troppo pungente per il premier.
Era stato presentato come un fil che raccontava gli ultimi 30 anni della TV italiana con l'avvento della tv commerciale (Mediaset). Questo tema è stato affrontato in maniera assolutamente, a mio parere, veolocissima e senza grandi spiegazioni nei primi 5-10 minuti del film. Il seguito è un vero e proprio SPOT PUBBLICITARIO per:
Lele Mora, noto manager italiano noto per il fatto che spinge e trova nuovi talenti nella tv, in particolare per programmi come Uomini e Donne, e, purtroppo, meno noto per essere stato condannato due volte per evasione fiscale, nel 2000 per 5 miliardi di Lire, nel 2008 per 5,6 milioni di euro (argomenti che non sono stati trattati e nemmeno citati nel film) presentato, nel film, come un vero e proprio angelo caduto dal cielo.
Fabrizio Corona, noto come fotografo di VIP e come estorsore nei confronti dei soggetti che fotografava la sua azienda (es. fotografava "Tizio" e gli diceva che, se non voleva che la foto venisse pubblicata, gli doveva pagare tot mila euro) e noto anche per le sue numerose (6 in totale) vicende con le forze dell'ordine per infrazione del codice della strada, che ha pagato a volte si e a volte no. Ovviamente di queste ultime cose NON si è minimamente fatto cenno, e del discorso dell'estorsione se ne è parlato come cosa da tutti i giorni, per poi terminare con la visione di una doccia effettuata dallo stesso corona nel quale si vedono le sue capacita di pulirsi il pene e di spalmrsi di crema idratante (tutto senza censura).
Silvio Berlusconi, per cosa è noto lo sappiamo tutti, ma nel film è citato in primo luogo come il presidente di Mediaset, senza però parlare dei processi che ha avuto e cha ha ancora in atto (come il processo per appropriazione indebita, e non quello del 2001 che si è chiuso all'epoca, ma di quello riaperto poco tempo fa per le appropriazioni dal 2001 ad oggi e che grazie al Lodo Alfano è bloccato). Non si è parlato dei processi Medusa. Non si è nemmeno nominato i processi per i diritti pubblicitari. Non dico si dovessero dire tutte le accuse che ha subito, ma visto che veniva chiamato "Il Presidente", riferendosi all'azienda, allora almeno un cenno a ciò mi sembrava doveroso.

Alla fine del film una domanda mi si è bloccata in testa: perchè censurare questa "meravigliosa"ubblicità per questi 3 personaggi?
Si voleva per caso far attirare l'attenzione in modo tale da far venire più gente possibile, presa dalla curiosità come il sottoscritto, per far trasparire questi 3 santi?

Un consiglio: non buttate vie 6-7-8 euro di cinema, piuttosto dateli in beneficenza, o se siete indecisi e volete a tutti i costi andare a vedere un film, guardatevi L'Era Glaciale 3 e fatevi due risate!
p
Sfoglia novembre       
calendario
cerca