.
Annunci online

di tutto e di più sui politici ITALIANI!
E Silvio si smentisce ancora una volta.
post pubblicato in Politici life, il 30 gennaio 2010

 

Questa volta però sembra che nessuno se ne sia accorto, poichè nessun giornale o blog ne ha parlato. Alla conferenza stampa a Reggio Calabria per il piano antimafia il premier (anche in questo caso colpito da conflitto di interessi) torna a parlare degli scontri con la magistratura e si destreggia affermando ciò che segue:
“Da parte nostra non c’è nessuno scontro con nessuna istituzione e non c’è mai stato. Se poi si vogliono fraintendere le parole che abbiamo detto in diverse occasioni, allora questa è altra cosa; ma non deriva da una nostra volontà di scontro che non c’ mai stata e non c’è.”
Ma come fa a non vergognarsi? Lui non ha mai attaccato nessuno quindi? E' stato tutto solo un fraintendimento. Beh in effetti siamo tutti solo dei maligni a pensare che dire che i magistrati sono dei "plotoni di esecuzione" sia un insulto o un attacco. Quante volte, parlando con una persona a noi cara, gli diamo del "mentalmente disturbato" con "delle turbe psichiche." Non che esporre il proprio affetto affermando che "Sono antropologicamente diversi dal resto della razza umana"? Io tutti i giorni, quando sento mio padre che vive lontano, gli dico che fa "cose che cospirano contro di noi".
Silvio "il buono" ha anche affermato: "Mi attaccano sul piano politico e, lo vedete, sul piano giudiziario le aggressioni sono parificabili a quelle di piazza del Duomo, se non peggio."
Siamo noi i matti che, ahimè, fraintendiamo sempre cosa dice. Non capiamo. Questi sono segni di affetto verso le procure di "Palermo, Milano" che "ricominciano a guardare a fatti del '93, del '94 e del '92. Follia pura."
Mio caro Presidente del Consiglio dei Ministri, voglio essere totalmente sincero nei suoi confronti...

 

 

 

MA VAFFANCULO!!

 

 

 


continua



permalink | inviato da Giamporsi il 30/1/2010 alle 20:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
Processo Breve... che farsa!!!!
post pubblicato in Politici life, il 29 gennaio 2010

 

Eccoci nuovamente di fronte ad un altra ignobile legge costruita a "modino", come avrebbe detto la mia nonna, sui processi pendenti del nostro caro B. Il processo breve. In anzi tutto bisogna dire che, leggendo il nome, si può senza dubbio essere daccordo che si sarebbe tutti più sollevati, se in effetti i processi durassero di meno. Ma il nostro (inteso come cittadino normale) modo di vedere il processo di corta durata, presuppone comunque una sentenza finale. Il verdetto del giudice. E, proprio per questo motivo, il processo breve non ha motivo di chiamarsi tale. Sarebbe più giusto il processo interrotto. Se vengono dettati e fissati dei periodi prestabiliti per legge, come in questo caso (senza ripetere per l'ennesima volta i periodi indicati dal ddl), senza dare dei supporti in più, o per lo meno senza fare in modo che ciò sia possibile, la situazione restarà esattamente la medesima. La legge dice che o entro i termini arrivi a sentenza, o il processo va in prescrizione. Punto. Ma, ragioniamo. Se ora i periodi sono infiniti, e ciò non può essere assolutamente contestato, un motivo ci sarà; che sia un problema di organico delle magistrature e delle procure, che sia un problema di mancanza di fondi per le indagini o per il semplice materiale di cancelleria, ecc. Non sarà forse necessario prima risolvere QUESTI problemi e poi, se mai, mettere un tetto alla durata dei processi??
Quello che la maggior parte delle persone forse non capiscono è che, questa legge, non risolverà proprio un bel nulla. Non ci saranno sentenze più veloci. I criminali non saranno giudicati più velocemente. Sarà esattamente il contrario. I delinquenti avranno più probabilità di farla franca. Perchè, se il loro avvocato sarà bravo a far allungare i tempi del processo, si arriverà presto oltre il periodo massimo e quindi tutto andrebbe a finire in prescrizione. Caso chiuso. Furfante libero e vittima ulteriormente oltraggiata. Il risultato è questo.
Per quel che riguarda invece il fatto che, al contrario di tutte le altre leggi che vengono emanate, sia retroattiva per i processi pendenti entro il marzo 2006 (causa indulto), il guardasigilli "Alnano" dice che andrà a toccare solo l'1% di questi. Ma allora la mia domanda è: ma se tanto ne tocca solo l'1%... che cazzo la fai retroattiva? Sarà un caso che il rinvio a giudizio dei due processi del premier siano stati dati proprio dopo la metà del 2006 e che quindi ricadano proprio entro tale termine quasi a fagiolo? Tutte coincidenze.
Questa legge(cagata) viene fatta anche, dicono, per svegliare un pò questi magistrati e questi giudici un pò fannulloni no? Ebbene, proprio per questo, un giudice del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, Mario Morra, ha stilato un rapportino proprio riguardante queste accuse che, spesso e volentieri, infangano il mondo della giustizia. 

"I dati su cui mi sono basato, e che in alcuni casi ho rielaborato per renderli di più immediata comprensione, non sono tratti da indagini raffazzonate e di dubbia veridicità, dell’A.N.M. (Associazione Nazionale Magistrati) o di altri organismi interessati, ma provengono da una fonte autorevole ed imparziale: la Commissione Europea per l’Efficienza della Giustizia (CEPEJ), raccolti in un rapporto, estremamente articolato, di oltre 350 pagine, presentato nel 2008 (con rilevazioni statistiche riferite all’anno 2006), sullo stato della giustizia in Europa."

Ve lo allego. Leggetelo e cercate di capire bene come è la realtà della magistratura in Italia.

mediamanager/sys.user/153333/Magistrati.pdf <--------- clicca per scaricare il rapporto!

In questi casi è giusto citare una famosa frase dal film "Chi ha incastrato Roger Rabbit": "Io non sono cattiva, è che mi disegnano così". Riadattandola: "Noi non siamo fannulloni, ma ci disegnano così."

EVVIVA L'ITALIA!!


continua

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. berlusconi alfano processi processobreve

permalink | inviato da Giamporsi il 29/1/2010 alle 22:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
Il pellegrinaggio ad Hammamet
post pubblicato in Politici life, il 18 gennaio 2010

Ma non vi sentite presi in giro? Guardo i Tg di regime e mi viene il voltastomaco. Tre Ministri della Repubblica hanno pellegrinato, con i soldi di non si sa chi, fino in Turchia per rendere omaggio a questo personaggio, noto, sopratutto, per essere la goccia che fece traboccare il vaso delle Prima Repubblica e che la affondò definitivamente.
La figlia Stefania, ogni volta che ne parla, sembra che si esprima riguardo a un santo di prim'ordine. Un uomo onesto, pieno di innovazione e "anticipatore di molti dei temi che sono ancora oggi sulla scena politica". ODDIO!! Solo al sentire quest'ultima frase mi viene paura. E poi sempre con quel modo commovente, quasi che ci scappa una lacrima.

La domanda è: perchè c'è questo leccaggio di culo di un ladro morto da latitante?
Sembre impossibile, ma la risposta contiene sempre il solito nome. Silvio Berlusconi. Si, perchè proprio quest'ultimo lo omaggia ogni qual volta ce ne sia l'occasione. Sarà forse perchè gli salvò il sedere dall'oscuramenteo delle sue tv emandando il così definito "Decreto Berlusconi"? O perchè gli diede le dritte per mantenere in regime "totalitario" inviando fax con consigli di non fidarsi di questo, e di non far parlare quell'altro?
Resta comunque il fatto che, fra "perseguitati dalla legge", probabilmente ci si capisce. Per non parlare poi dei tentativi, chi un modo e chi in un altro, di scampare alla giustizia. Ora ci si fanno le leggi, o si cercano di farle; allora si preferiva espatriare altrove dove la giustizia italiana non può venire a prenderti anche se hai due condanne definitive sulle spalle, Corruzione (Eni-Sai ) e finanziamento illecito (Metropolitana), e altri 5/6 procedimenti a proprio carico.

CHE BEL PAESE!!!


continua
Primarie del PD....... che buffonata!
post pubblicato in Politici life, il 25 ottobre 2009
Foto: Panorama Blog

Oggi si voterà per il nuovo segretario del Partito Democratico, un partito del quale però è bene che si sappia tutto. Un ammasso di gente che finge di essere un'opposizione e che approfitta, o peggio ancora aiuta, gli scempi di Mr B. Un partito nato per creare una sinistra compatta, democratica e aperta al dialogo con la parte opposta.
Beh.... in effetti il dialogo sembra esserci, ma da parte dell'opposizione nei confronti della maggioranza e non il contrario, poichè il PDL sembra "sapere" che il PD, in un modo o nell'altro, non andrà MAI troppo contro Berlusconi.
Il PD era nato come partito NUOVO e RIVOLUZIONARIO, probabilmene ricalcato dai Democratici della Repubblica statunitense. Ma da chi è composto il PD?
Una persona, quando sente che ci sarà qualcosa di nuovo, pensa che anche i volti siano nuovi. Invece no! Walter Veltroni si inventa questo partito e ci inserisce dentro esattamente gli stessi componenti dell'Ulivo, o quasi. Un governo, quello dell'Ulivo,  che, nonostante sia rimasto in carica due anni ('06 - '08), non è riuscito a fare una legge sul conflitto di interessi di Berlusconi & Co.
Il PD ha al suo interno peronaggi come Massimo D'Alema, personaggio che definiva il pool di Mani Pulite, al tempo di tangentopoli, "Il soviet di Milano". Uomo che è sospettato di concorso in aggiotaggio nella scalata alla BNL. Politico che, come lui stesso ha ammesso in fase processuale, quando era segretario regionale del PCI in Puglia ha intascato 20 milioni di lire da parte di un imprenditore barese (no, non centra nulla Tarantini, era il 1985).
Il Partito Democratico trova, fra le sue più alte cariche, Antonio Bassolino; invitato si a dimettersi dalla presidenza della regione Campania per le vicende dei rifiuti a Napoli e la sua condanna, ma senza troppe pressioni, infatti è ancora là.
Il Partito Democratico è anche quel partito che, con i suoi 22 assenti, ha reso più facile la vittoria dello scudo fiscale.
E' quel gruppo parlamentare che vorrebbe "cacciare" la Binetti perchè ha espresso le sue idee, anche se contrarie a quelle del suo partito (che ricordo si chiama Democratico), e non perchè al voto sullo scudo non c'era, e non caccia neanche personaggi come Gaglione Antonio, parlamentare più assenteista in assoluto. Non espelle personaggi come Enzo Carra, condannato in Appello a 1 anno e 4 mesi per false dichiarazioni al pubblico ministero per "assicurare l’impunità a colpevoli di corruzione, falso in bilancio e finanziamento illecito".

E ora ci apprestiamo a sapere chi sarà il nuovo segretario di questo "meraviglioso" partito. Buona fortuna a tutti e tre, ma sappiamo che alla fine vincerà solo uno: Silvio Berlusconi.
Siamo tutti comunisti... anche se si destra!
post pubblicato in Politici life, il 11 ottobre 2009


Anche oggi, il nostro caro presidente, ne ha sparata una delle sue. Non faccio a tempo di svegliarmi e guardare i primi titoli di giornale, che subito mi balza agli occhi questa serie di affermazioni mattutine di Silvio e che mi inducono subito a scrivere un paio di cose per far capire bene ciò che dice il premier. "La stampa estera sputtana l'italia". Beh... in effetti non ha tutti i torti. Ma il motivo per cui lo fanno è ben preciso, e a quanto pare sembra accorgersene anche lui quando poco dopo aggiunge "l'immagine dell'Italia che deve essere bella forte e pura e non inquinata da tutto ciò che si dice sui giornali in queste settimane." E' incredibile. Ha pienamente ragione, bisogna darsi una regolata a smetterla di fare certe sciocchezze che poi vengono riportate dai giornali. Sembra quasi che stia tornando umano e si sia accorto dei sui errori. Fino a quando... "Venendo qui ho letto i giornali italiani e mi sono chiesto cosa davvero sia cambiato dal 1993", "quando l'intervento della magistratura fece fuori tutti i partiti e tutti i protagonisti furono costretti a lasciare la politica e qualcuno anche l'Italia."
Avete letto bene. Questo spregevole omino sta difendendo a spada tratta Craxi. Ma come? Lui che nel '94, nel discorso in cui annuncia la sua discesa in campo, attacca, giustamente, l'ultimo periodo della Prima Repubblica dicendo "Ho deciso di scendere in campo e di occuparmi della cosa pubblica perchè non voglio vivere in un paese illiberale governato da forze immature e di uomini legati a doppio filo ad un passato economicamente e politicamnete fallimentare". E poco dopo rincara "La vecchia classe politica italiana è stata travolta dai fatti e superata dai tempi. L'auto affondamento dei vecchi governanti schiacciati dal peso del debito pubblico e dal sistema di finanfziamento illegale dei partiti ha lasciato il paese impreparato e incerto nel momento difficile del rinnvamento e del passaggio ad una nuova repubblica." Questo era proprio lui a parlare.
Ora si caglia a tutta birra contra Mani Pulite solo perchè è un suo avversario politico, e tutti i Berluscones ci vanno dietro come pecore, e santifica Craxi ed i suoi colleghi protagonisti di Tengentopoli.
Ma non lo capisce che è LUI a dare una schifosa visione dell'Italia?
Non capisce che se i giornali esteri buttano in prima pagina gli avvenimenti italiani, nel quale il Cavaliere è sempre protagonista, è solo perchè è abbominevole avere un presidente del consiglio così? Cito solo alcuni titoli dell'8 Ottobre scorso in merito alla bocciatura del Lodo al Nano:

The Times: Il Premier ora deve dimettersi.
New York Times: Sommerso dagli scandali.
El Pais: I giudici ridanno credibilità all'Italia.
Die Welt: Il Paese diventa più normale.

Lo capite? Ci vedono anormali. E lo siamo. Smettiamola di pensare tutto in maniera politica come Berlusconi sta cercando di fare. Basta col dire che tutti coloro che vanno contro di lui sono degli sporchi comunisti. Siamo in dittatura. Nascosta, ma è una dittatura!


continua

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. berlusconi craxi tangentopoli castopoli

permalink | inviato da Giamporsi il 11/10/2009 alle 13:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
Le menzogne del Premier
post pubblicato in Politici life, il 10 ottobre 2009

Questa è stata una settimana intensissima per la politica italiana e in particolare per il nostro caro premier Silvio Berlusconi. Lodo Mondadori con la sentenza che prevede la restituzione di quasi 750 milioni di euro alla Cir di De Benedetti. Bocciatura del Lodo Alfano giudicato incostituzionale dalla Corte Costituzionale. Rivelazioni di Massimo Ciancimino che mettono in cattivissima luce il suo braccio destro Marcello dell'Utri (già condannato in 1° grado a 9 anni per Concorso esterno in associazione mafiosa) ritenuto il secondo personaggio in grado di creare una trattativa tra stato e mafia dopo l'arresto di Vito Ciancimino. Non c'è più quindi da stupirsi se in questi momenti, il Cavaliere, dia i numeri e inizi ad insutlare a destra e a manca senza problemi. Ma c'è ancora meno da stupirsi delle balle che racconta, ed in questi momenti oserei dire che dà il meglio di sè. Vediamo perchè:

"Io sono l'uomo più perseguitato della storia ma sono sempre stato assolto. Due volte, mi sembra, ho goduto della prescrizione che non è assolutamente una condanna." Cerchiamo di specificare e di capire perchè è una balla. Intanto ho i miei seri dubbi che sia l'uomo più perseguitato dalla storia, ma nel caso fosse vero, non credo che questo possa in qualche modo alzare la credibilità di una persona, perchè un motivo ci sarà se sei sempre sotto giudizio, o no? Per quel che riguarda i processi è meglio specificare. Su 23 processi subiti da Berlusconi, 3 sono caduti in prescrizione di cui 2 avvenute grazie a delle leggi ad Personam che accorciavano, o meglio dimezzavano, i tempi per la prescrizione. In 8 processi è stato assolto per varie motivazioni, ma in 3 casi è stato assolto perchè il fatto non sussiste più il rato per delle leggi promosse dai vari governi Berlusconi. In 2 casi è intervenuta l'amnistia del processo ciò il reato si estingue. In 7 procedimenti è intervenuta l'archiviazione e altri 3 sono ancora aperti.

Questa è la verità. La prescrizione NON significa assolto. Come già scritto nel blog, lo stesso Andreotti venne prescritto, ma solo perchè i tempi erano finiti, tanto è vero che nella sentenza c'è scritto che il reato era stato commesso.
Il Cavaliere sta esplodendo, sembra una bomba ad orologeria.


continua

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. berlusconi mafia dell'utri processi lodo

permalink | inviato da Giamporsi il 10/10/2009 alle 13:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Assenteismo e doppio impiego
post pubblicato in Politici life, il 20 agosto 2009
Parlamentari Assenteisti

Nel primo post inserito nel blog ho elencato tutti i privilegi che hanno i parlamentari. Come ben sappiamo, ogni parlamentare ha uno stipendio che va dai 12.000€ in sù, senza però contare tutti i "bonus" riportati. Tenendo conto di tutto, si può arrivare ad una somma che vai dai 22.000€ in avanti. Se già consideriamo questo stipendio TROPPO alto, cosa dobbiamo dire, quando queste persone, per la maggior parte del loro tempo se ne stanno a casa o a fare un altro lavoro che gli fa guadagnare altri soldi (solitamente i doppo lavoristi sono tutti avvocati, medici, ecc) e quindi in parlamento ci mettono raramente piede? Cosa succede se un operaio, un segretario, un'insegnate fa un assenteismo del genere dal proprio posto di lavoro? Viene, giustamente, licenziato. E perchè allora, se non è possibile licenziare queste persone, almeno non si detrae lo stipendio in base a quanto questo frequenta il parlamento?
Esiste un sito che si chiama Open Parlamento, che tiene d'occhio tutte le mosse dei parlamentari e di ciò che accade in parlamento. Per fortuna, c'è anche una "classifica", sempre aggiornata, degli assenteisti.
Ho deciso di riportare almeno la Top 10:

Deputati:

1. Gaglione Antonio (PD) 90,25%
2. Siliquini Maria Grazia (PdL) 81,14%
3. Tanoni Italo (Misto) 80,25%
4. Baccini Mario (Misto) 79,50%
5. Ghedini Niccolò (PdL - Avvocato di Berlusconi ndr) 71,79%
6. Vernetti Gianni (PD) 69,74%
7. D'Alema Massimo (PD) 69,34%
8. Angelucci Antonio (PdL) 69,20%
9. Merlo Ricardo Antonio (PdL) 67,94%
10. Di Pietro Antonio (IdV) 67,75%

Senatori:

Tralascio i primi due, poichè non li considero senatori (Rita Levi-Montalcini e Sergio Pininfarina)

1. Cossiga Francesco (UDC-SVP) 99,95%
2. Colombo Emilio (UDC-SVP) 95,98%
3. Scalfaro Oscar Luigi (Misto) 95,21%
4. Andreotti Giulio (UDC-SVP) 87,31%
5. Bonino Emma (PD) 79,01%
6. Pistorio Giovanni (Misto) 76,08%
7. Zavoli Sergio (PD) 70,79%
8. Nania Domenico (PdL) 65,63%
9. Veronesi Umberto (PD) 65,27%
10. Marini Franco (PD) 61,02%

fonte: Open Parlamento
Sfoglia ottobre       
calendario
cerca