.
Annunci online

di tutto e di più sui politici ITALIANI!
Wild Italy - Informazione Indipendente in Internet
post pubblicato in diario, il 12 febbraio 2010
Lascerò questo blog, poichè ho la fortuna di aver iniziato a collaborare con un giornale on-line denominato Wild Italy.



Chi Siamo

" Matteo Marini. Studente, fondatore del giornale.
Direttore, Caporedattore, impaginatore.

Federico Cecchini. Tuttologo di professione. Studente, vignettista e creatore del nome. Condirettore e Vice Caporedattore.

Questi ‘due’ sono più o meno i tuttofare del giornale/blog d’informazione, i capostipiti su cui poggia tutta la “baracca”. Entrambi sentono il dovere di dare un parere contrastante a questa gioventù che oggi viene influenzata dai mezzi di comunicazione. Cosa hanno pensato di fare? Un giornale, e che giornale. Inizialmente chiamato the New-world, è stato invece cambiato in Wild Italy, per dare maggiore spinta di linguaggio al lettore medio(wild=selvaggia). Ironia della sorte: il giornale è prevalentemente online. Perché dico prevalentemente? Perché i due santoni si sono incaricati di produrre a proprie spese questo piccolo giornale locale, che si estende da Prati all’Eur.

L’obiettivo che ci vogliamo prefiggere è il fare libera informazione in uno Stato che libero ormai non lo è più.

L’unica passione che tiene unita la nostra squadra, è il piacere della scrittura e la consapevolezza che nel nostro piccolo stiamo dando battaglia alla tremenda disinformazione che attanaglia il nostro paese, tentando di instillare un pò di coscienza critica.

La squadra“:

Antonio Sorrentino. Studente del primo anno all’Università Federico II di Napoli. Collaboratore della rubrica Attualità.

Vincenzo Pacilè. Originario di Catanzaro, attualmente vive a Vibo Valentia. Collaboratore della rubrica Attualità e Responsabile della rubrica Politica.

Giorgio Mantoan. Studente del Liceo Classico Pietro Verri (sez. Liceo Gandini) di Lodi. Collaboratore della rubrica Attualità e della rubrica Politica.

Francesco Angeli. Studente della facoltà Scienze Politiche all’ Università Roma Tre. Collaboratore della rubrica Attualità e della rubrica Politica.

Daniele Paoloni. Collaboratore della rubrica Motori.

Alessandro Aimone. Torinese, laureando in Studi Internazionali alla Facolta’ di Scienze Politiche. Impiegato presso un centro fisioterapico. Collaboratore della rubrica Attualità e Responsabile della rubrica Politica (sezione Esteri).

Emanuele Mazzuca. Iscritto al secondo anno della facolta di Economia e Commercio a Brescia. Collaboratore della rubrica Politica, Attualità e Responsabile della rubrica Economia.

Giacomo Mormino. Studente liceale di Palermo.Collaboratore della rubrica Attualità e Politica.

Gianluca Caporlingua. Originario della Sicilia, attualmente vive a Milano. Laureato in Lingue e Letterature staniere, è impiegato nel settore commerciale estero. Collaboratore della rubrica Politica.

Luca Puglisi. Genovese, laureato in Scienze Politiche e iscritto – nel capoluogo ligure – alla Facoltà di Lettere e Filosofia, corso di laurea in Storia. Collaboratore della rubrica Politica.

Fabio Brinchi Giusti. Iscritto alla facolta di Scienze Politiche presso l’Università La Sapienza di Roma. Collaboratore della rubrica Attualità.

Domenico Filippello. Residente a Palazzo Adriano (Provincia di Palermo), frequenta il “Liceo Classico Luigi Pirandello” a Bivona (Provincia di Agrigento). Collaboratore della rubrica Attualità e Politica

Alessandro Bampa. Ragazzo vicentino di 23 anni, laureato in Lettere moderne all’università di Padova e tuttora studente della magistrale di Filologia medievale dell’ateneo veneto. Collaboratore della rubrica Attualità e Politica.

Max Zumstein. Studente diciassettenne del Liceo Scientifico del Collegio Rondi (VA). Responsabile della rubrica Musica e collaboratore della rubrica Libri e della rubrica Attualità.

Simone, Fabio, Francesco e Stefania. La redazione di Voglio Resistere si è unita al nostro progetto. Collaboratori della rubrica Politica.

Laura Masielli. Residente a Maccarese (Provincia di Roma). Pubblicitaria. Responsabile della rubrica Racconti.

Giampaolo Rossi. Residente a Belluno, studia all’Università Alma Mater Studiorum di Bologna alla facoltà di Lettere, con indirizzo storico, per poi specializzarsi in giornalismo. Collaboratore della rubrica Attualità e Politica

Antonio Mazzariello                            . Webmaster del sito e curatore della diffusione del giornale sul web."


Lascio il blog semplicemente perchè non ha senso che pubblichi qua ciò che pubblico su Wilditaly.net

Grazie tutti, anche se non molti, quelli che mi hanno letto!

Le idee di Sgarbi...........
post pubblicato in diario, il 16 gennaio 2010

Ma che cos'ha in testa Vittorio Sgarbi? Perchè non può limitarsi a presiedere il comune di Salemi o a criticare arte? Cosa centrerà lui nella infinita guerra contro i giudici?

Queste sono le domande che una persona qualunque poteva porgersi oggi, vedendo la prima pagina de "Il Giornale" trovando un suo articolo, terminato poi a pagina 7, in cui assale in maniera indecorosa i giudici ed i pubblici ministeri tentando di convincere qualcuno che i pm godano di una sorta di "scudo ben più forte dell’immunità parlamentare"?
Il motivo di questi suoi attacchi hanno un motivo. Semplicemente, come qualcun altro di cui non faccio il nome, odia i giudici perchè lo hanno imputato e, anche se non come questa persona che non nomino, lo hanno pure condannato per 3 volte su 4, e l'ultima è stato salvato in extremis dalla prescrizione dopo due condanne in primo e secondo grado. E quale migliore occasione di tornare all'attacco se non il proscioglimento di Mannino indagato da Giancarlo Caselli per presunta associazione mafiosa. Quel Caselli che lo stesso Sgarbi attaccò, incolpandolo del suicidio di Luigi Lombardini, e per la qual cosa venne poi condannato per diffamazione aggravata nei confronti del PM.
Sia ben chiaro, mica è stato condannato solo per diffamazione, ci mancherebbe; una condanna è anche peggio. E' stato condannato a una multa di 700 mila lire per assenteismo e produzione di documenti falsi.
Insomma... è ovvio che il critico d'arte ce l'abbia così tanto con i giudici e i pm. Un pluri-condannato è normale che lo sia. Però, anzichè chiedere le scuse da parte di Caselli, il quale ha fatto semplicemente il suo lavoro, e il rimangiamento delle parole di Travaglio per un articolo uscito sul Fatto qualche giorno fà, farebbe meglio a guardarsi la fedina penale, e capire che la deve smettere di sputtanare la gente e che, quando si parla di legalità, è meglio che se ne stia zitto e muto e rifletta sulle sue condanne.

P.S. Se i PM non fanno le indagini, non sapranno mai se uno è colpevole o meno. Come si può dire "Sedici anni di gogna e di menzogne, di umiliazioni, di mortificazioni, una parte di vita perduta. E perché? Chi paga? Io posso essere  soddisfatto, e Mannino sollevato. Ma Giancarlo Caselli come starà? [...] Perché io devo farmi processare da chi mi accusa senza prove per dimostrare un suo teorema? Questo non è giustizia. È un morboso rapporto tra vittima e carnefice, tra sadici e masochisti."
Che bella personcina....


continua
L'importante è che non lo processino.
post pubblicato in diario, il 8 novembre 2009


Ogni tanto leggere "Il Giornale" è interessante, poichè ti fa capire come ormai in questo paese tutto sia dovuto a Mr B.
Voglio riportare alcune frasi: "A Palazzo Grazioli starebbero lavorando a un documento formale che certifichi la «ventennale persecuzione» dei giudici e impegni i parlamentari del Pdl a firmare la legge sulla «prescrizione di fase» che gli esperti stanno preparando. Una norma di iniziativa parlamentare, che verra` presentata al Senato da Lucio Malan. Il meccanismo ideato da Ghedini e` questo: una prescrizione del processo, anziche´ del reato, che sara` scandito in tre fasi, ciascuna di due anni".
Capito? Questo è l'intento del premier. Che lo vogliano o no, lui questi processi non li vuole fare. E perchè? Al momento della caduta del Lodo Alfano non aveva detto che sarebbe andato in aula e avrebbe dimostrato la sua innocenza? Perchè vuole fermare tutto, a tutti i costi?
Ma la cosa più incredibile è la normalità con la quale questi giornali di regime ne parlano. Come se fosse normalissimo che un Presidente del Consiglio possa interrompere i suoi processi quando vuole e per il motivo che vuole. Insultano Fini perchè dice di non volere più leggine (se così si possono chiamare) ad personam. E meno male dico io! Ma l'articolo a cui mi riferisco continua, andando avanti, a spiegare come un Premier non possa andare avanti a governare con questi processi sulle spalle, ed è quindi necessario ripristinare, in una qualche maniera, il lodo alfano, già bocciato dalla Corte Costituzionale. Come discorso non è sbagliato, ma non è per nulla esatto la faccenda del lodo blocca processi. Perchè se l'Alfano bloccava i processi, questa riforma li vuole proprio estinguere.

BERLUSCONI... FATTI PROCESSARE!!!!!!!


continua
Prove di calim
post pubblicato in diario, il 11 ottobre 2009


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. qnzjv5d6hw

permalink | inviato da Giamporsi il 11/10/2009 alle 13:22 | Versione per la stampa
Critiche insensate ad Annozero.
post pubblicato in diario, il 26 settembre 2009


Mentre "Il Fatto Quotidiano" supera ogni asepttativa e vende il 91% delle sue copie prima delle 8 del mattino il primo giorno di usicta, il Ministro Scajola attacca duramente Annozero perchè "è ora di finirla con l`ennesima puntata di una campagna mediatica basata sui pruriti, sulla spazzatura, sulla vergogna, sull`infamia, sulle porcherie." Annunciando addirittura la convocazione dei vertici Rai per controllare se Annozero è da considerarsi un programma degno di essere trasmesso, viene da chiedersi come, il Ministro per lo Sviluppo economico, possa accaparrarsi questo diritto nei confronti di una TV pubblica.
Ci hanno provato prima della messa in onda senza MAI mandare spot del programma e portando alle streme Santoro senza la firma di contratti, come quello di Travaglio costretto ad essere li come OSPITE e non come "secondo" di Santoro. Non erano riusciti a fermarlo in tempo, ed ora, nonostante questo programma faccia registrare ascolti ampissimi e riempendo le casse della RAI con la pubblicità, ci provano insinuando a vigliaccherie, a mala informazione.
Il problema è proprio questo. Questo tipo di informazione da fastidio. Si è parlato della libertà di stampa e del problema dell'informazione in Italia mettendo sul piatto TUTTO quello che cera da dire. C'era un "accusatore" ed un contradditorio, elemento indispensabile per una TV democratica, al contrario di quanto avviene da Vespa, che quando ospita il Premier non ha nessun altro in studio che lo possa smentire. Eppure perchè di questo programma nessuno se ne lamenta? Forse perchè non dice TUTTO quello che c'è da dire? Forse perchè parla del premier e della politica come "cosa buona e giusta" senza mai toccare temi veramente caldi come processi, accuse, ecc?
Non voglio denigrare Vespa, perchè è un giornalista, purtroppo, controllato dall'alto. Qualche puntata buona ed interessante la fa anche lui, come quella post terremoto.
Bisogna imparare a rispettare questo paese e la libertà di informazione. Dobbiamo difendere la voglia di sapere che in molti, come me, hanno. Una volontà di conoscenza che non si trova da nessuna parte, o quasi.
Il milionario nasconde tutto!
post pubblicato in diario, il 24 agosto 2009
Come ormai tutti ben sappiamo, a Bagnone, è stato centrato quel benedetto 6 al superenalotto. Ora tutti a caccia del super fortunato (a qualer scopo poi, non si sà; forse di fargli arrivare i ladri in casa). Questa "caccia" occupa pagine intere dei giornali nazionali e rubriche intere dei Tg televisivi.
Ma perchè tutto questo interesse? Un argomento così dovrebbe essere trattato in un trafiletto di 20 righe, non di più. Ma forse, anche questa, è un'occasione per nascondere ciò che realmente accade.

Perchè non scrivono del Sig. Pino Masciari, un super testimone, che dovrebbe essere sotto la tutela dello stato perchè è un testimone di giustizia che ha fatto arrestare decine di persone della 'ndrangheta, invece è lasciato senza scorta per mancanza di fondi e si ritrova delle persone in casa di notte davanti al letto dove dorme con la moglie e nella stanza accanto i figli?

Perchè non scrivono dello scempio che c'è a Alimuri, un "mostro" che non viene ancora abbattuto nonostante il fatto che i lavori siano fermi da 42 anni?

Perchè non parlano del fatto che Berlusconi voglia "passare alla storia per aver sconfitto la mafia" e il suo braccio destro, Marcello Dell'Utri, non chè fondatore di Forza Italia, è condannato in primo grado a 9 anni di carcere per concorso esterno in associazione mafiosa?

Non ne parlano perchè c'è qualcosa che non va. Forse c'è qualcuno che non li vuole far parlare.
Informatevi. Cercate nel web, leggete su Antefatto.it.

L'unico modo per non diventare servi e informarsi e sapere le cose. Quelle vere, non quelle fasulle.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Berlusconi. dell'utri mafia testimone

permalink | inviato da Giamporsi il 24/8/2009 alle 18:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Voglia di....
post pubblicato in diario, il 22 agosto 2009


 

Sorseggiando un buon caffè, ed immerso nei miei pensieri, mi è venuta voglia di esprimere alcune considerazioni.L'Italia è la nazione che, ha al suo interno, il 40% del patrimonio artistico mondiale. Siamo la nazione che ha un passato invidiabile (parlando dell'impero romano, ovviamente). I nostri connazionali hanno inventato l'Elicottero (Leonardo prima e Enrico Forlanini poi), il Pianoforte (Bartolomeo Cristofori), il termometro, il fax, ecc. In Italia sono nati e cresciuti i più grandi artisti di tutti i tempi; da Giotto a Leonardo, da Raffaello a Caravaggio, dal Bernini a Michelangelo, da Donatello a Tiziano. Abbiamo un paesaggio unico al mondo. Possediamo due fra le città più belle del mondo: Venezia e Roma. Ma se abbiamo tutte queste fortune, perchè non possiamo avere uno stato istituzionale degno di ciò che ci circonda? Magari alcune persone pensano che io sia un idealista poichè sono ancora giovane, ma non sono l'unico a pensare le cose che posto sul blog.
Io voglio gente onesta che governi per il bene di tutti, e non solo dei propri.
Voglio un paese nel quale io sia libero di dire quello che voglio senza il terrore di essere segato a VITA.
Voglio un paese nel quale, se io mi faccio il culo per una carriera, questa la ottengo per le mie capacità, e non perchè sono amico dell'amico del fratello del presidente.
Voglio un paese nel quale le istituzioni diano il buon esempio.Voglio un paese nel quale, chi sbaglia, PAGA! Sinceramente non mi sembra di chiedere molto. Negli altri paesi, un discorso così, non avrebbe senso, poichè è già tutto adottato.Vi chiedo solo di riflettere su quello che inserisco nel blog. Pensate, seriamente, se è giusto quello che fanno. Se è giusto avere in politica dei Mafiosi.

Giamporsi!


continua
Benvenuti in CASTOPOLI!!
post pubblicato in diario, il 17 agosto 2009
Eccoci...
benvenuti a tutti in questo mio Blog.
La volontà di aprire questo punto di incontro è dettata dal fatto che, a mio parere, non si sà mai abbastanza di ciò che ci circonda, e, per la sua importanza, soprattutto della classe politica Italiana.
Ecco quindi che ho voluto creare questo Blog nel quale, periodicamente, inserirò varie notizie, documenti, articoli, sentenze, ecc, che riguardano i nostri politici e che, però, dai giornali non vengono espressi.
E' quindi ovvio che ogni aiuto sarà assolutamente ben accetto. Inviatemi Video, documenti, idee, ecc e io li inserirò nel blog.

L'informazione la facciamo NOI!!
Sfoglia gennaio       
calendario
cerca